Intervento PBS di correzione dell’alluce valgo

Posted on

Per alluce valgo si intende una specifica modificazione della posizione del metatarso del primo dito del piede con tendenza a deviare verso il secondo dito.

L’intervento con tecnica percutanea, per il trattamento dell’alluce valgo è uno dei metodi più efficaci per la soluzione di questo problema così invalidante. La radiografia prima dell’intervento mostra la divaricazione tra il primo e il secondo metatarso. Il primo metatarso sporge troppo sotto la pianta del piede perché i metatarsi centrali sono stati sollevati e non appoggiano al suolo. [ARSocialShare id=1] L’alluce valgo è una deformità che coinvolge il primo dito del piede e che vede alla base della deformità la “varizzazione” del primo metatarso. Torna in cima Prima di decidere se un paziente sia candidato per un intervento di correzione dell’alluce valgo è importante una corretta valutazione clinica. Infatti in questi pazienti è indispensabile una correzione anche del piattismo del piede attraverso tempi chirurgici a livello del retropiede, essenziali per il buon risultato dell’intervento. Come spiegato la tumefazione quindi il gonfiore nel post-operatorio possono dipendere dalla tecnica chirurgica, ma anche da caratteristiche proprie del paziente o dall’intervento eseguito precedenti interventi chirurgici. Per evitare una compromissione della convalescenza, è sconsigliato nelle prime settimane dopo un intervento di alluce valgo, mettersi alla guida di un’automobile. Radiografia del pre-operatorio Per la correzione dell’alluce, si è intervenuto come di consueto, ossia con una osteotomia del primo metatarso e un un riposizionamento dei segmenti scheletrici.

Deformità del piede; piede valgo abbassato, piede piatto, piede traverso, piede cavo

  • La vostra età.
  • La vostra storia medica e la salute generale.
  • Il vostro lavoro e stile di vita.
  • Le vostre aspettative dalla chirurgia.
  • La gravità dei sintomi.

Anatomia del piede Solitamente, quando si parla di alluce valgo ci si riferisce alla prominenza nella parte mediale (interna) della prima testa metatarsale e alla borsa che la ricopre.

Per questi pazienti, si fonde l’articolazione tra il primo metatarso e l’osso cuneiforme con delle viti, questo intervento è chiamato tecnica di Lapidus. In questo modo si riallinea il metatarso completamente e si stabilizza l’osso, impedendo la mobilità e le deformità recidivanti. Durante le visite di controllo, si esegue una radiografia così che il chirurgo può seguire la guarigione delle ossa e determinare il grado di correzione dell’alluce valgo. La riabilitazione migliore dopo un intervento di correzione di alluce valgo è camminare. Tuttavia, per ottenere agevolmente questo spostamento, l’osso del metatarso ( che sta nel piede e si articola con il primo dito) deve essere inciso a tutto spessore. Si spiega così perché dopo l’osteotomia, una piccola vite in titanio viene avvitata nell’osso a completamento dell’intervento. L’Alluce valgo è lo spostamento laterale dell’alluce, accompagnato dalla sporgenza interna (“cipolla”) dell’osso 1° metatarsale. L’intervento che deve essere eseguito è la osteotomia del 1° metatarso con tecnica mininvasiva percutanea. [ARSocialShare id=1] L’alluce valgo è una deformazione del primo dito del piede, che appare deviato lateralmente verso le altre dita, con contemporanea sporgenza mediale del primo osso metatarsale.

MEDICO ORTOPEDICO CHIRURGIA PERCUTANEA DEL PIEDE: Cura alluce valgo, dita a martello, neuroma di Morton e metatarsalgia

  • Tecnica tradizionale (“a cielo aperto”)
  • Tecnica percutanea (mini invasiva)
  • Tecnica mista (percutanea + tradizionale)

Questa tecnica chirurgica viene eseguita in anestesia locale e prevede l’esecuzione di alcuni tagli sull’osso praticati per permettere la correzione della deviazione del metatarso.

Per questo motivo la tecnica deve essere eseguita da chirurghi esperti del piede sia in chirurgia tradizionale che in chirurgia percutanea. La correzione chirurgica delle patologie del piede eseguita con tecniche a cielo aperto è notoriamente conosciuta per essere dolorosa e invalidante per il paziente trattato. Negli ultimi anni si è sviluppata la tecnica chirurgica percutanea, che consente di effettuare un’operazione per la risoluzione del problema dell’alluce valgo. Proprio a questo tipo di struttura è legata l’efficacia della chirurgia percutanea come operazione per l’alluce valgo. La chirurgia percutanea si candida ad essere uno dei sistemi più utili per la risoluzione di un problema come l’alluce valgo. Elaborazione grafica: Paula Simonetti Tenendo presente che l’alluce valgo non è una sporgenza che può essere solo segata via, ma si tratta della deviazione del metatarso. Osteotomie sec Akin della Falange Prox Resta comunque un intervento cosmetico e di breve durata, in quanto il metatarso resta deviato, continuando, a volte, la sua lenta e inarrestabile deviazione. Con un’incisione della pelle grande di pochi millimetri utilizzando un’ apposita fresa si incide l’osso, riallineando il metatarso. Inoltre sono frequenti i casi di rigidità articolare e fallimento dell’intervento per ritardato o viziato consolidamento del metatarso.

ANESTESIA CHIRURGIA PERCUTANEA DEL PIEDE: Cura alluce valgo, dita a martello, neuroma di Morton e metatarsalgia

  • Antidolorifici.
  • Tutori specifici.
  • Plantari.
  • Indossare calzature adatte (questi vengono discussi in maggior dettaglio di seguito).

L’osso è inciso verticalmente, in parte il metatarso viene ruotato quanto basta ad ottenere il riallineamento con l’alluce.

Segue l’appoggio immediato del piede per ricercare, da subito, il corretto approccio fisiologico per il riassestamento del piede, dopo l’operazione dell’alluce valgo. Le ossa del metatarso sono collegate alle dita del piede attraverso l’articolazione metatarso-falangea. Gli interventi più usati sono, comunque, tre e possono essere eseguiti a “cielo aperto” o con chirurgia mini invasiva. L’angolo tra il metatarso dell’alluce e quello del secondo dito si modifica progressivamente, con spostamento della base dell’alluce verso l’esterno. Nel corso degli anni si possono instaurare anche deformità delle altre dita e forti dolori al piede (metatarsalgie).È del 40% la diffusione dell’alluce valgo nelle donne. Tuttavia, è bene ricevere una diagnosi precisa, perché esistono forme di alluce valgo che sono intimamente connesse ad altre deformità del piede, come per esempio il piede piatto. A seguito di un intervento chirurgico, vi sono anche maggiori probabilità di avere problemi se il vostro alluce valgo si è verificato a seguito di un’altra condizione, come l’artrite reumatoide. Nota bene: spesso l’alluce sarà un pochino più corto di prima queso è dovuto alla necessità di rimuovere una parte di osso per permettere la correzione. In caso di correzione dell’alluce valgo, per esempio, il sovraccarico del secondo metatarso si risolve completamente e il dolore regredisce.

L’intervento chirurgico che si deve eseguire attualmente per l’Alluce Valgo è la OSTEOTOMIA DEL 1° METATARSO.

La chirurgia ortopedica ha stabilito senza possibilità di dubbio e in maniera definitiva che l’intervento deve essere eseguito spostando il 1° metatarso e non l’alluce. Alcune volte è necessario modificare anche l’assetto della falange dell’alluce per completare in maniera definitiva la correzione. La esatta correzione dell’intervento per Alluce Valgo corrisponde a due fattori: Si fa notare l’apparecchio radiologico posto sopra il piede che serve a controllare la correzione dell’ durante tutto l’intervento. Nella patologia dell’alluce valgo la testa del 1° metatarso si sposta dal contatto naturale e i sesamoidi sono lussati. Ortopedia-Traumatologia e Medicina dello Sport, Roma La chirurgia dell’avampiede è utile ed efficace per trattare difetti del piede e delle dita come Alluce Valgo. Quando si ha l’alluce valgo il primo metatarso e l’alluce non sono più allineati, ma formano tra loro il cosiddetto angolo di valgismo. Gli interventi di chirurgia dell’avampiede per trattare l’alluce valgo mirano a riallineare il primo raggio. Questo mediante la traslazione della testa del primo metatarso verso il secondo (correzione dell’angolo intermetatarsale).

Risolvere questo tipo di disturbi del piede oggi è possibile in modo veloce grazie alle tecniche e tecnologie avanzate della chirurgia dell’avampiede.

Sono stati proposti centinaia di interventi e di tecniche differenti fin dall’inizio della storia della chirurgia. L’intervento in chirurgia percutanea per la cura dell’alluce valgo è tecnica operatoria di recente impiego e per ora non molto diffusa. In particolare, si parla di alluce valgo quando l’angolo tra il primo e il secondo metatarso, corrispondenti appunto al primo e al secondo dito, è superiore a 8°. In ogni caso l’obiettivo principale deve essere il riallineamento del primo raggio mediante la traslazione della testa del primo metatarso verso il secondo (correzione dell’angolo intermetatarsale). La tecnica PBS, sempre nel rispetto delle linee guida delle leggi della biomeccanica e della fisiologia del piede,  permette una concreta personalizzazione dell’intervento. “Salve dottore, a distanza di X giorni dall’intervento di alluce valgo, vedo ancora il piede gonfio. ?” Una delle preoccupazioni più comuni di chi si è sottoposto ad un intervento di alluce valgo è il gonfiore della parte operata durante la convalescenza. Ecco perché durante la convalescenza a seguito di un intervento di correzione di alluce valgo, è del tutto normale avere il piede gonfio. In conclusione, dopo un intervento di correzione di alluce valgo, è normale che il piede risulti gonfio. L’alluce è definito valgo quando l’angolo tra il primo e il secondo metatarso è superiore a 8°. L’alluce valgo è una deformazione ossea del primo dito del piede, che si sposta lateralmente verso le altre dita, facendo sporgere il primo osso metatarsale.